Texts |

Jack Casanova

01 Intro (Bienvenue)
02 La Serenissima
03 Renzo
04 L’ enfant de Bellinzona
05 Graff Attack
06 Da Noi
07 Far Away
08 Lights
09 Dope
10 Lunghe Notti
11 Ruby I
12 Party What ??
13 Casanova
14 Il tempo non ha tempo
15 J’Parle à toi
16 Le 30ème Arrondissement
17 :-)
18 Magna Magna
19 Outro

http://www.newzik.ch/artistes/sisma/sisma_c.jpg

Testi di: « JACK CASANOVA »

INTRO (BIENVENUE)
1er couplet :
Jack Casanova, OH , ça vient de loin, ça chauffe et ça brûle, j’t’amène le soleil du Tessin //
Eh ?Tessin, qu’est ce que c’est ?Est ce que t’en a entendu parler ? Viens voir et crois moi tu verra,ça te fera chier d’rentrer//
Chez toi (chez toi) visages méfiantes à cause d’mon accent, chez moi (chez moi), pas d’problèmes on parle toutes les langues//
Bienvenu,mieux si Allemand,millionaire,octogenaire,les jeunes ? Vous en faites pas on va les faire taire !!//
Pas d’soirée concerts, flics vite répression, on traine on s’ennuie et la dope c’est la seule distraction//
Nous on avait les coffee shops,ils ont dit « c’est pas bon » après s’en être mis pleine les poches//
Shit,j’suis plus la-bas y a milles raisons,et puisque tu connaît pas je t’éxplique ma mission//
C’est rouge/bleu,fou mon drapeau sur l’panthéon, ras l’bol qu’on me demande si il y a du rap dans ma région//

2ème couplet :
Chi c’è,chi c’è ? C’è la mia Linea 23, tenue camouflage avec les couleurs de la paix//
Peace, ai baluardi del Ti-shit,sur l’affiche y a mon blaze mais on débarque a 50//
Et POPO sur scène HIP HOP no doubt POGO eh no,quello è solo a Loca Loc//
Oh,una speciale a chi ci segue,chi fa click sui nostri siti alla mia gente a chi sostiene//
Dal movimento rossoblu, a quello rossocrociato, per le facce stupite di chi non ci aveva calcolato//
Mo voilà (mo voilà) Wir sind da (wir sind da), oÙ j’veux arriver ? T’écoute ça,parfait j’ai déjà gagné !!/
Old timer come Mauri,capisci ???????J’parle français a ma façon c’est comme du Spanglish//
Sans oublier d’où j’vien ou a qui j’dois ce que j’suis,comme toi t’oubliera pas le rap aux plaques T-I !!//

3ème couplet :

Credi capiscan perchè reppo ?? NO
Da dove viene e quanto vale per me ?? NO
Per la fama ? NO ! Le groupies ?? NO !
I money ?? NO ! NO ! NO !
Noooo veterano réaliste,j’entend parler de Biz mais pour moi il y en a pas en Suisse//
Alors j’ai trop trop d’respect aux très très peu qu’on réussi,car qui font du son y en a des milliers dans c’pays//
Des jeunes et des moins jeunes, des bons et des moins bons, des comme nous très humbles et des putain d’grandes geuleus//
BLA BLA BLA BLA j’en ai rien a peter, cerchi temi,tecnica, storie,flow,cazzo volete ?????
Non ho fatto un album sperando che lo comprate è per il mio buon vecchio hip hop prima che me lo sotterrate//
J’y mets pas qu’mes trips,mon temps,mon fric,c’est pas qu’un album de bonne musique….c’est toute une vie.


LA SERENISSIMA

Ammira la città dei Dogi, unica, splendida magica, la Serenissima, dalle strette calli ai riali dove dominano le gondole, l’ adriatico e le sue onde, non passano li regnano pace e tradizione, arte buonsenso e religione si mischiano, creano un’ unione e le persone ci convivono, fu regno, repubblica, potenza marittima. Preda di orde barbariche fugge in laguna recito citazioni storiche da fonte sicura e una volta al sicuro si espanse nel ruolo di mercante dall’ Europa all’ oriente, è trattata con rispetto la sua fede millenaria finchè giunse un ometto proveniente dalla Francia, umiliata resistette e con lei il carnevale giu la maschera e cade ogni ceto sociale

Buongiorno siora maschera, ci si incrocia, sorpassa, anonimi tra la massa, senza pensare a ciò che può celar ‘na tale festa ma oggi ci si diverte e al resto non ci si pensa, ai piani alti festeggian riescon nell’ intento, nei campi si balla x ora senton voci di gioco d’ azzardo qualche illustre tradimento, si parla di un certo Casanova. Non puoi fermare la movida la bella vita ancora qualche settimana ed è finita, qui si filtrano le tensioni soviali, tenendo vivo il e i poteri decisionali, quindi spazio alle danze e per un altro po’ sono maschere e mantelli ne borghesia ne popolo, mischiano tutto per meglio ridefinire in fondo una volta all’ anno è lecito impazzire.

Fondamenta Cannaregio estate del ’43 c’è via vai di apparecchi in cielo, sganciano bombe l’ obbiettivo è marghera non la colpiranno mai, i cittadini varcano i ponti affollati troppi quelli bombardati il rischio è di essere schiacciati, tieni per mano i tuoi figli, corri, spingi, e tra mille peripezie raggiungerai i rifugi, tra la gente ammucchiata una bambina trema, lascia sfogar ‘na lacrime e non è la sola, quell’ antro lugubre sembra un tomba, passa dal pianto alle urla viene interrotta solo da una bomba…che scoppia li vicino tutto questo continuò per un altro anno almeno, poi la pace, la dura ricostruzione, c’è chi non riesce e da il via all’ emigrazione.

RENZO

Je m’appelle Renzo, fils de l’immigré, j’ ai appris ce monde des yeux d’ une mère qui a vu les bombes tomber.
Sur sa maison, sur ses voisins, sur sa vie, puis elle est venue ici elle n’ a jamais aimée et elle me l’ a toujours dit, pire :
Tu vois mon papa n’ était presque jamais la, et trop souvent juste pour me mettre des claques, j’ ai grandi sans, n’ était pas la pour me défendre quand les petits camarades me traitaient de différent.
Üssländer, spaghetti pour te dire que les plus polis, qu’ est ce que j’ ai supporté sans presque jamais réagir, j’ voulais partir, et pour finir je les ai cognés pour me construire un avenir.

Rit :
Sur nos monts quand le soleil se lève, en enfermant notre liberté ils ont cru assassiner nos rêves, loin des vains bruits de peine, dans l’ orage et de détresse mon peuple a retenu vos guerres.
Quand le soleil se lève sur nos monts, découvrent qu ‘ils iront jusqu’ à profaner nos tombes. Ils verront qu’ un peuple les poings qui se léveront, comme un panther noir chanter la révolution

Maman ne parlait pas la langue juste le dialect vénétian, ainsi j’ passait mes dimanche al Circolo Italiano, l’ hodeur du café, fumée intense pendant les match de foot, la je voyais les adultes geuler se transformer en fous (goooooooool !!!).
Chacun ses couleurs, son idol et ses théories, tous entraineur, éxperts, comme je me marrais tout petit…le spot était toujours blindé, et ceux qui les critiquaient pour le même cash n’ auraient jamais fait le même taff, donc parle pas s’ il te plaît (stai zitto), c’est pas facile de garder l’ calme, si seulement tu savais, par où on est passé, et toi, par éxemple tu l’sais, que les belles routes où tu circules c’est nous qui les avons faites, minchia.

Rit.

De l’ est à l’ ouest installé en Suisse Romande, et malgré mon petit accent on ne m’ voit plus comme un rital, elle est loine l’ époque des intérdictions restaurant, embroullies dans les campagnes à la manière du Ku-Klux-Klan…
Ils veulent pas s’ mélanger, nous veulent pas integrer, tié ‘fanculo scemo, on l’ a quand même fait. On est dans l’ batiment, mec, la restauration, tous ces petits plats que t’ aime tellement partie de NOTRE tradition. J’ veux pas m’ y accrocher mais non plus oublier, c’est l’ fait de pas avoir d’ enfants qui m’ a poussé a te raconter, notre histoire avant qu’ elle se perde dans le temps, depuis le balcon d’ où je passe ma retraite au Tessin.

Rit.

C’ est pas possible qu’ il faut toujours s’ énerver après tous ces année en plus…. Y a rien à faire, tu sais ce que j’ te dit ? Pour moi c’ est indélébile. Mais bom, la c’est fini toutes ces conneries, j’ suis à la rétraite, y le soleil, j’ ai la vue sur le lac que j’ai toujours rêvé, un petit balcon en bas j’ vois les enfants jouer…tranquille, j’ en ai juste parlé pour pas que les nouvelles générations oublient, parce que il faut sourtout pas que les nouvelles générations oublient.

L’ ENFANT DE BELLINZONA

Osserva dal suo balcone ha il tempo di chi è in pensione,chi ? Nonno Renzo,chiedi in quartiere, li da via al Ticino condominio di tre piani mega chill tra le famiglie, più giovani ed anziani, lui adora i bambini anche s enon ne ha mai avuti, eppure li lo chiamano nonno tutti, li osserva mentre giocano e li vede crescere,ogniuno mostra il suo carattere e se ne vedono delle belle : pallonate, bici, bmx degli anni ’80, partite a 20 contro 20 finché si vede la palla, poi c’è sempre chi è più vispo spinge, un altro bocia cade piange e via al circo delle mamma, come ad ogni ritporno dalle vacanze lo cercavano per raccontargli e mostrargli i nuovi gadget : Walt Disney e simili si confidano gli piace, poi c’è sempre chi è più spontaneo e più loquace, tornerà spesso a fargli visita in lui scopre un potenziale enorme eppure lui gli dice, nonno : mi sgridan tutti non mi lasciano giocare e i vicini dicono ai miei che non sono normale.

Rit.
C’est l’enfant de Bellinzona, vient du sud, bien déçu si dés l’début on lui geule déssus, ya un temps pour tout toi maintenant joue, trop vif profite que le temps passe trop vite, joue ! Apprend les règles et réspèct-les, mais n’importe essaye quitte à te tromper, joue conscieusciement mais joue tpous l’temps, accepte les conseils mais n’obéit pas aux ordres.

Gli anni passano e un bambino cambia parecchi è gia un ometo e non ha più solo lo sguardo da furbetto ma è diretto, corretto…come dire…nervosetto, e quel che tutti han da ridire vedrai dove se lo mettono ! Punterei su di lui mi disse, finsi di non capire me lo ripeterà mentre mi fissa, negli occhi di chi non ha più età da quand’ è in pensione, se ne andrà col dubbio ma con la convinzione che un bambino deve esprimersi e non solo con la bocca,e che imparerà cadendo sbucciandosi le ginocchia, ogni adulto ci è èassato, c’è chi l’ha scordato perchè a loro all’ orecchio non hanno mai sussurrato…
Ma gioca, gioca, l’ uomo saggio dice gioca, gioca che il tempo vola tu per ora..gioca, gioca, e giocando impara le regole e rispettale, gioca ma con testa

Rit.

Cresci con dei pregiudizi a cui finisci per credere, influenze negative che alla lunga possono incidere negativamente, no non necessariamente però sai dipende a seconda della gente, del loro percorso ed è proprio per questo che un adolesciente in arresto è stato un bambino oppresso, se soltanto l’avesse sbattuta prima la testa,eh no, era in castigo reo di aver fatto il cattivo. Genitori splendidi istigati dal vicino, ora è acqua passata ma da li è passato il suo cammino, guarderà indietro, l’ha fatto e lo fa, ma lui è un uomo d’onore, dice che partirà.

Rit.

GRAFF ATTACK feat. Mars’L & Deklin

Ouuups com’ è tardi devo proprio prepararmi, se arrivo in ritardo quello è capace di spararmi / ma dov’è ? / non trovo il portamonete… / è qui ? no non ci credo, ancora…/ le paglie e via / il solito / il bus / è un’ ora.. / 3 fermate e son giu / maaaan / scusa / salta su/ ok / andiamo.
Bom pronto bro ho in tasca l’ indirizzo e cash / dai dai dai che c’è anche il soci e poi ci servono le Clash / non nascondo l’ emozione quindi prima dell’ azione / andiamo sul posto per una ricognizione / vie d’accesso / vie di fuga / via / ci si becca dopo / si ma alle 20h / trank / no un chezz / dai…un pino ? / no thanks vedo i miei…/…i miei ? non ci sono, sto in giro un po’ poi vengo diretto li / dietro la Posta piglio il mozz’, lascio le bonze e con lo scazzo rientro, ma easy dopo pezzo / le imbrugo sotto questo cespuglio qui al parchetto / io a casa, lucchetto, 4 sotto un tetto / è un posto mega sicuro qui non passa mai nessuno, tornerò a prenderle appena farà buio.

Rit.
—- et on file à l’ anglaise, pas d’ réflèxion que l’ acte une marque et on te laisse
—- motard en vélomoteur walkman sur les oreilles « yo, you know i’m sayin ?? »
—- le premier kiss où tu rougis, —- la première cuite à ton anni
PO, premières bastons, PO, premières nuits dehors et la notre dernier graff aura fini chez les —
Svizzera, Svizzera, tag par ci, flop par la le coût de mon ticket est un Poska, posté à l’ arrivé du train je vois Sisma, yo gars, j’ suis sûr que toi t’ attend un Lausannois ! Ahahhaha,t’ as toujours le mot pour rire toi…oué toujours oué, d’ ailleurs parrait qu’ il vaut l’ détour, j’ éspère que le tien aussi sinon j’ vais cartonner ta ville mec, d’ ailleurs où on va j’ ai faim, j’ veux la « pizza della nonna ». /Non man on a pas l’ temps faut vite qu’ on bouge la, le spot est dans l’ coin…ne ne ne t’ affolle pas /
Moi j’ veux tagger sur une place monstre connue, Lausanne et B’zone en gros chrome à haut d’ un talus, t’as vu la ? celle-ci je l’ allume et on l’ appelle alu / t’ est fou toi ?? C’ est la « Piazza del Sole », les gens vont nous voir et puis il faut qu’ on check Marcel/ d’ ailleurs il est où mec? C’est lui qui a les sprays ? / bah ouè / eh / t’inquiète,c’est normal, j’ le connaît / il fau qu’ on s’ fasse ce graff, j’ai le spray baladeur / on y est, on y est, on commence a y aller / skinny cap on est cap on a l’ ésquisse du refrain.

Rit.

Ah te voilà toi / cheee ? / tu parles pas français ? / no…/ merde, vas-y, file moi les spray, attaque l’ intérieur, j’ m’occupe des couleurs et des décors et si les flics s’ rapplique dit-leur qu’ les bombes étaient par terre. Tu comprend ? / je t’ai dit, je ne parle pas français / ah si, passe moi le vert que je signe ça en 6 lettres, une flèche un poème et c’est à toi j’te laisse la signature à Sisma, moi je la connaît pas…c’est quoi ce bruit ?? « Polizia » c’est c’qu’il fallait pas, Marcel dit-leur que ma mère ne viendra jamis jusqu’à la.
Sono in centrale, ma che minchia di serata perlomeno mi fa fare almeno una chiamata « pronto Mom » merda mi hanno preso, ma come chi ? Degli sbirri in sovrappeso. Esatto mi hanno colto con le mani nel sacco, come a fare cosa a pintare duro cazzo, scusa ora mi calmo è che sono assai arrabbiato, non per il verbale ma perchè mi hanno placcato «cosa vogliono ? » i nomi, ma io non posso vendermi e lo so ti scazzerà ma…puoi venire a prendermi ?

DA NOI feat. Maxi B e Michel (Metrostars) e Nico (Massakrasta)

A Chiasso dicono « noi ci siamo », a Bellinzona gridano « oh oh ohooooh », a Locarno dicono « noi ci siamo », a Lugano gridano « oh oh ohooooh »

Rit. :
« Da noi » ogni giorno è sbattimento, « Da noi » parliamo con un brutto accento, « Da noi » dormiamo con un occhio aperto, « Da noi » ti fanno l’ auto e l’ appartamento, EHY, se vi chiedete dove siamo finiti, sud side Suissa bang, colpiti, EHY, se fino ad ora non ci siamo capit, Chiasso B’zone, Locarno e Lugano city, EHY

Da noi, mi chiamano lucifero, infatti ucciderei chi mi chiede se parlo svizzero, io faccio la cresta sulla cresta dell’ onde, tu alzi la cresta e l’ etichetta che affonda, ehy, non c’è trucco non c’è inganno, tu scrivi per deprimerti, io scrivo per esprimermi e sto avanti un anno, qui d anoi ne conto 4, questo, quello, Maxi B e man, nessun altro. Il mio esercito è fatto di notti killer, e non ti salvi nemmeno se chiami Schindler, quida noi troppi zombi come in Thriller, da noi che ti fai si vede dalle pupille, qui da noi con la stessa rima, se la fai da indipendente è una bella rima, se la fai sotto una major è una rovina, lo dico a voi riga, se faccio un disco lo chiamo Invidia.

Rit.

Potrei parlarti dei kilometri fatti, poi infilarli uno per uno in culo a chi non viene ai party, o del rispetto che ho sempre dato agli altri, per informarti, non ho iniziato ieri, vieni qui, ascoltami, cercavi flow hai trovato Sis, si da Belli sud « tash li », ti porto li dove osano le aquile, li dove i signori del rap scrivono pagine. Swiss-Italian Job underground hip-hop nell’ anima come a Boogiedown « BX », e chi pensa che da noi non c’è il rap, faccia un giro sul net e legga i nostri palmarès, io ci credo e i miei mi seguono, strillo finchè di la ci sentono perchè per venire da dove vengo un album come il « Codice » per vendite è gia doppio platino.

Rit.

A Chiasso dicono « noi ci siamo », a Bellinzona gridano « oh oh ohooooh », a Locarno dicono « noi ci siamo », a Lugano gridano « oh oh ohooooh »

Finora Ticino sottosopra si smarca e continua a vibrare e suona, da Chiasso a B’zona cantone a sud di sta Svizzera che appare in forma ma barcolla che non molla, noi lo riprendiamo d’ assalto come ai tempi si bucavano ramine giu a Chiasso, era contrabbando di bionde dentro al sacco, ora contraccambio con stecche di tutt’ altro. Rumore da Chiasso Stazione « da dove ? » da dentro i sottofondi delle borse delle suole, cane che abbaia non morde, qui cane che abbaia ti azzanna e ti fotte, qui Ticino droga e flotte di mignotte, da noi sottopagati frontalieri e bancherotte, qui sovrapagati macchinone e case grosse, da noi mafia legale e soldi sporchi chiusi dentro in cassaforte.

Rit.

FARAWAY

Preparo ancora la valigia vivo in viaggio si, giornata grigia c’è una Punto di passaggio e Sis che guida, nell’ aria nebbia ambigua, viaggio in quinta fuori tuttonon scalo neanche in salita, è il mio ritmo di vita Ticinese atipico e dillo, a tutta quanta B’zone che il Boss è in esilio. Dubbi ? Reppo e li smentisco, insisto agisco col rap serio invadi il suolo Svizzero « faraway » la bussolo che marca nord, sul contagiri non ci sono cifre ma c’è scritto hardcore, e mò faccio quel che mi pare provo un po’ a cambiare e parto col vantaggio bro che io non ho un cazzo da dimostrare, nooo non ti chiedo il permesso, estendo il raggio d’ action non vuol dir cercar successo, ne venduto ne tantomeno perso evolvo ciò con cui sono cresciuto evolvendo me stesso.

Rit. :
I’m going far away, ‘ going to a foreign place
And if you wanna come, we’re gonna have to elevate
I’m talking ‘bout a journey through space and time
Breaking through barriers with the strength of my rhymes.
If Hip hop is a movement, then why ain’t we going any where?

Chi sono l’ ho narrato e me l’ hanno rinfacciato, col mio percorso ti ho stufato e ora ti porto sopra un golfo minato, nuoto a dorso guardo in alto, vedi posso c’ ho provato adesso oso e non la chiudo.. « non l’ha chiusa… » vedi rimando gli mc’s a scuola,scusa : se non strippi e te la senti sapresti spiegarmi, perchè i beat cambiano e gli mc’s non sanno adattarsi e prima di criticarmi potrebbero almeno riascoltarsi, banda di banfi, lesson one : 4 quarti ma fermarsi da quelle parti no, non ti fa andare avanti, pensi di scoraggiarmi, sbagli e passi che se non sai di che cosa parli possa poi perdonarti « oh », sono lontano che ne dite, se scendo a dar n’ ochhiata faccio effetto meteorite, avevo ottimi propositi sul movimento in TI, ma non è più il mio lato sud, ora è city, per city , per city, per city

Rit.

Italofono, anomalo, fenomeno al microfono, dicono che me la meno ma nemmeno mi conoscono, ehi mano : io diffondo, tu chef ai sinceramente me ne fotto e vado via, via, ma resto real, real, e solo dopo aver scolpito il codice di casa mia. Vedo le luci ti saluto by by, carico di speranze destinazione faraway.

Once upon a time, in a far, far away land,
there was a young boy who knew
there was something new to do.
And he made Hip hop move again!

DOPE

Stasera faccio un giro in quartiere, è primavera e domani non lavoro, missione cinquantello ottimista e rassegnato che anche se me la da un fratello è quello il prezzo di mercato, sono da lui, suono ma non apre, provo a chiamarlo, ha spento il natel , eppure è sempre qui, sempre disponibile, sempre indoor e sempre meno accessibile. Urge alternativa, vado in centro, mi propongon tutto tranne quel che cerco, bamba chicche lozza pacchi…voglio weed e ho solo 50 sacchi…cmq grazie, ciao e ora ? Mi mescolo ai festaioli del sabato sera, incrocio un soci mi dice io so che cerchi seguimi vado da un tipo che forso può aiutarti

Rit. :
Dop dope, amicizie nate da necessità, dope dope, come una sirena d’ allarme, dope dope, nelle strade della tua città è dope dope la cercano le guardie.
Dope dope, nelle case, nei locali, nelle strade, dope dope, nei nasini di chi ammirate, dope dope nelle vene di chi emarginate, dope, e perchè generalizzate ??

Uè Fred c’est moi….

Così conobbi Fred…è indaffarato, un fat pappone sui 30 incocainato, sul divano e parla, parlano, non seguo, clima di festa mi adatto e sorseggio…preso bene quasi scordo, finchè dal piatto va al sasso se lo passano e me lo porgono…no, tra l’altro io parto c’hai la brasa ? Tra poco c’è l’ultimo bus che mi riporta a casa…ma stai con noi poi si va in disco, no trank, insisto ! Sfoga sul sasso ! Diplomazia, modalità fattone, con un discorso dal cuore accusando il lavoro. Ma lui ha il rimedio, e te credo, ma lo convinco, riparto contento. M’ incammino, ma che bus, pino, costeggio un parco, scorgerò una panchina.

Rit :

Sciallo, seduto, è pronto in un minuto….se me lo godo tutto, non necessito d’ aiuto e tanto non c’è nassuno, solo io tra il fumo che tra gli alberi è divino, hai in mente un momento di quelli tanto attesi ? Ecco, non toccarmelo, ma è serata di sorprese e da dietro spuntano due pigs in borghese e mi placcano : cosa fai, cosa c’hai con te ? De trank Miami Vice c’ho tre…grammi d’erba, e viste le circostanze potrei quasi tenermela a chi cazzo do fastidio hai visto l’ ora ? Concedimela ! Non se ne parla, ci segua in centrale, li incrocio il fratello, ecco dov’ era ! Mi passa lo scazzo so che lui è messo peggio, io alla peggio,domattina esco.

Rit.

Lunghe notti feat. Dano

Comincerei dal dirti che ci manchi, tu si lo so ma noi qui no, non siam così forti, io alcune notti non prendo sonno, mi chiedo che starai passando e da oggi so per quanto ancora…continuerà ‘sto incubo di cui so poco e sarà dopo il momento di spiegarmelo, ora pensa a te, tieni duro se puoi fatti sentire, lo dico ingenuamente come potrei capire io, uno per cui la libertà è sacra, la mia indipendenza l’ ho voluta e l’ ho sudata e non me la giocherei per tutto l’ oro del mondo, ma puoi giurarci mano i tuoi bro son qui che ti aspettano, e i progetti avanzano, e vorremmo mandarti i mixtapes ma non ce li passano, sennò io, pff, man sempre il solito, gli altri ti salutano, stammi bene, è simbolico…
P.s. : Panorama ha fatto il botto ma ai live incrocio un tot di infami che parlan troppo, di te, loro, sento puzza di coscienza sporca « com’è bro, senti io non c’ entro in ‘sta storia », e come no…tu non pensarci, sai com’è un segreto non tiene da ‘ste parti, e il mio rammarico è enorme, per un tale potenziale in una situa non conforme

Rit. :

Gli errori li paghi e se hai il tempo di pensarci, mano puoi giurarci li rimpiangi, e che piangi, scalci o ti mangi le unghie son lunghe quelle notti senza lume ne abbracci, ma ora che vuoi farci, tempi grami rega tempo di guardare avanti, da chi non c’è passato a chi non ci tornerà più alla pagina più triste nella storia della Crew

Bella Sis, grazie per la lettera, io qui mantengo palestra pesi eccetera comunque easy, non pensare agli infami, quando sarò fuori faremo un bel party all’ inizio è panico, la rabbia si espande è un male organico che diventa più grande, dalle stelle alle stalle, dalla strada alle sbarre, è un attimo e fai soffrire tua madre, mi sono scottato con un fuoco che arde sai manca fiato, tipo in cima alle ande, le mie prigioni ho dovuto farle, lavanderia di giorno e di sera giochi a carte, 26 mesi in cattività, molti rimorsi e negatività, arresto inchiesta disperazione, processo congedo liberazione. Se non ci sei stato mano non capisci, viaggia nella terra delle mie radici, segnato a vita con un tatuaggio, certe cose non sono solo di passaggio, risvolto positivo bagaglio per la vita l’ importante è trovare la via d’ uscita, entrato ragazzo ed uscito uomo da allora ogni giorno nuovo è come un dono.

Rit.

RUBY I

Vedo la luce a Lugano nel settembre del ’79, cresciuto in quartiere circondato da amore, al mio fianco gli stessi amici per la vita poi ognuno ha la sua storia, questa è la mia : ero un ragazzino vispo poca voglia di studiare del tipo « no Mà dopo, adesso vado che ho da fare. Esco son sotto mi aspettan per giocare » cresci in strada e quell’ asfalto non sai quanto può insegnare. Son ben presto un ometto, sveglio quasi troppo bastava guardarmi storto e « PO » facevo a botte, poi scopro la savate avevo 16 anni circa, sfogo in palestra affinando la mia tecnica. Ma il colpo di fulmine è un paio d’ anni dopo, scopro la Boxe, capiscono che non gioco, m’ alleno m’ appassiono aiuta a far di me un uomo ma lungo è il percorso che mi ha portato qui e sono..

Rit. :

Ruby, combattente dall’ infanzia, la sua forza è il nostro orgoglio schiva e piazza un colpo, Ruby Belge campione del mondo.
Ruby, combattente dall’ infanzia, la sua forza è il nostro orgoglio piazza un altro colpo, Ruby Belge campione del mondo

Comincio a battermi tra i dilettanti e ben presto non ho quasi più avversari all’ altezza, uso la testa allineo 5 titoli nazionali ma mi negano gli Europei per motivi caratteriali ??? Pfff, paradossi come mi spieghi che un campioni si debba pagar le scarpe, la tassa i guantoni ?? E poco è cambiato da professionista, la mente torna spesso alla carriera dilettantistica. Ma bom anche da Pro sarò campione della Svizzera e nonostante gli infortuni non conoscerò sconfitta, ora tocca usar la testa dar ‘na svolta per la gente che si è mossa e quella che è stata travolta, il mio manager procura buoni sparring partner per farmi combattere, per vedermi vincere. Parla di Intercontinentale non potevo immeginare mi dicesse Ruby : « ti giocherai il Mondiale »

Rit.

Eccoci qui è l’ incontro della consacrazione, tocchi la tensione e vedi la concentrazione, dallo spogliatoio sento i 17oo in sala : son qui per me ed io per loro stasera…salirò sul ring con la mia doppia bandiera e in diretta TV, mi prenderò quella cintura. Mi presentano ho la maglietta della « Fondazione Gabbiano », ho il sangue caldo ma batte dentro un cuore grande e…si parte, conduco io le danze e non cedo alle continue provocazioni dello sfidante, tiene alla distanza ma le riprese le vinco tutte, anche se dalla quarta col metacarpo rotto ! Ho fatto troppi sacrifici per arrendermi, e ci pensi ai presenti ? Non posso deluderli, vincerò per me, i miei , Barra, il Bere, per i bro del quartiere….per Samuele.

Rit.

PARTY WHAT ?? feat I.V.A.N, Samurai e MXX

Rit. :
On est live dans la « Party What », tu crois quoi qu’c’est le squat dans la « Party What » ?
Ok, c’est la « Party What » je reste dans la boite pour la « Party What » !
I.V.A.N. dans la « Party What », Sisma débarque c’est la « Party What », Samurai ose dans la « Party What », je reste dans la boite pour la « Party What »

Ok via retro, esco dal parcheggio, m’ immetto sulla carreggiata e sfreccio fuori dal centro, sotto le lights dei semafori pompo l’ ultimo « EV », via vai di nottambuli, faces da week end ed è dope nell’ abitacolo man malgrado i pigs, davanti alla jam tessiner, si, parcheggio qui. Pieno di gente c’è la coda vai tra siam sulla guestlist « bonsoir, j’ suis sur la liste à Ivan, c’ est Sis + un » ah, e dentro c’è gia ambiente, sempre al bar e si spinge per ordinar da bere, mentre una tira l’ altra,manca il gruppo spalla al ritmo del boom-boom-cha son gia in fondo alla sala e suuuu, alzo il bicchiere su The Game, a B’zone zero party sempre in ziro per la Suisa, e stasera seratone da spettatore boom-boom-bummo e bella li, lo show può cominciare

Rit.

Mic check, 1-2 j’débarque sur le stage yo, fuck les puristes qui reste stagner dans le golden age boy, Shure M158 dans la main droite, si tu piges pas j’ répète pas, sorry pas besoin de dire « What ?», eh un putain d’ show carré il faudra juste que j’ ai les poches pleines avant de m’barrer ok ? C’est que les delires me poussent aux trousque de voir des belles ladies, kick sur le mic j’appliqe tu sait très bien que pour ça j’suis ready, c’est un travail de team chacun a son poste, même pas pour un centime on kickait sur un poste, et maintenant on squatte la scène, t’ inquiète c’est que du meurtre en direct, parquet et les fondations de A à Z c’est les rimes que j’ injecte pas pour j’m’en tape je bounce…dans l’éclat,challenger no pro le sgens s’demandent mais qui est c’mec la, ce soir c’est la re-soi au mic toi et moi, tous l’ monde lève les bras on constate les dégats

Rit.

Strofa di Samurai non disponibile

CASANOVA

Non ricordo l’anno fine 1700, lo conobbi in un tea room del centro, feci amicizia parlammo lo invitai a pranzo, li sorseggiando vino cominciò il racconto, ne fui stravolto disse aver viaggiato molto, in tutta Europa e me lo trovo in ‘sto borgo, di un villaggio fuori dalle carte, ma lo ascolto quest’ uomo a un che di affascinante.

Rit.
Casanova, Jack per gli amici le donne fa felici non declina mai gli inviti, eh yo Casanova, lo chiamano lo sentono ma troppe finestre aperte e troppo poco tempo, eh yo Casanova, nella leggenda, l’ amante per eccellenza, eh yo, eh no, sta correndo ancora senti EH YO quando passa Casanova.

Nato in Serenissima, viaggiatore, e in un certo senso un gran conquistatore, Casanova…permette signora ? Il baciamano è niente è con lo sguardo che la cattura, ci parla,balla, savoir faire d’altri tempi, capì, quel complesso meccanismo, altri tempi ! E ne trasse benefici consenzienti, ma a volte mi disse non ne valgono i risvolti…corsi fuggii fui accusato di libertinaggio e non capii, talvolta tornai conscio dei guai avventuriero, ma è vero, non mi innamorai mai…si sofferma, conclude accettando che non si può avere tutto e in fondo lui ne ha avute mille…e messere sta scendendo nei dettagli.

Rit.

Senza pari in quanto a galanteria, buongustaio in fatto di corsetteria, i ricordi lo portano via… la sua narrazzione prende nuova energia ah, per me le donne c’est toute une histoire, ne adoro le forme un po’ meno il bla bla, ma di notte va, c’è feeling imminente, lascio al piacere di guidarci oltre il limite dei sensi…Casanova…ancora?? No baby per me è giunta l’ ora di andare a errare come sempre trionfante con il cuore ancora caldo e pulsante, più che mai non gli basta mai vuol scoprire innocenti creature, madame mature, mai stanco di fuggire accumulai avventure…per i secoli a venire

Rit.

IL TEMPO NON HA TEMPO feat. Skai

Il mio aspetto è longilineo, ogni minuto scatto, inseguendo quel mio simile che si mmuove ogni tanto, attorno a noi il ticchettio che ci da il tempo, ma attenta, attento, passo in un momento :

Ancora qui ? Mi sorpassa ciclico io ho il profilo basso e tozzo e l’ andazzo flemmatico. In nonchalance verso il prossimo numero, siamo 2 lancette ma dallo sporco compito.

Diamo il tempo all’ andamento evolutivo della specie, l’ inizio e la fine di quello che succede, ci fissi quotidianamente facendo i tuoi calcoli, e in digitale siamo solamente numeri. Di una scala temporale discutibile, nessuno esce dallo schema del suo limite : 60,60, 24 e da capo, è un attimo in un attimo e diventa gia passato.

Rit. :
Car chaque seconde n’ en cache qu’ une autre on chasse le temps OH : il tempo non ha tempo », car face à ce monde on cherche le notre on passe devant OH : il tempo non ha tempo » 2X

Attempato ma un gran bel maschio 10 millimetri d’ altezza x 4 di largo, la mia vita l’ ho passata a girare in tondo…trascorsa allacciata a un polso. E con lo smilzo dei minuti non andavo d’ accordo anche se tutto sommato, non lo vedevo molto ma lo spazio limitato e quel girare tutto il giorno renderebbero anche te…pignolo e taciturno, così giriamo, e da li non c’è ritorno, è arruginendo che me ne rendo conto la mia scocca patacca accusa il colpo di ciò che dalle civiltà è da sempre studiato a fondo, comanda lui tu sali a bordo non sai quanto ci stai fai si che nel rapporto tra dare e ricevere hai il tuo tornaconto, passa un secondo e quel che viv è gia un ricordo.

Rit.

Il movimento da lo spostamento sul quadrante è la vita,siamo testimoni di ogni istante, quel che ti succede dalmomento della nascita, le cose belle danno luce alla tua crescita. Quanto tempo abbiamo quanto ne rimane son domande vane fin dalle civiltà lontane basta un pianeta, un cataclisma, un complotto, basta un colpo, un colpo di testa un colpo di sonno e di colpo…il tempo fatalmente scade, meglio che lo investi al meglio o non troppo male ogniuno col suo lasso definito pensa che non è infinito, non lo è, ma l’ avevi capito ? Fatti i fatti tuoi, vivi i tuoi affetti, sei tu con il tuo tempo e quello che trasmetti « la musica la senti ? » sentimenti intensi, dai tempi dei tempi a tempo di questi tempi.

dai tempi, dei tempi, a tempo, di questi tempi… dai tempi dei tempi a tempo di questi tempi, IL TEMPO NON HA TEMPO

Rit.

« J’PARLE À TOI »

Ho corso,ho corso, ho corso, ho corso, ho corso, ho corso, ho corso….

E mò mi fermo, voglio godermi la vita, da solo non riuscirei, nemmeno con un’ amica…no,vorrei di più ;
cercasi angelo, un bel giorno lo intravisi e ho deciso di raccontartelo :
Bella, bellissima, la conobbi e le parlai, la invitai a bere e accettai di aspettare un mese, le telefonai e incassai mille scuse…ma uno spiraglio c’era sempre fonte delle mie speranze…
quelle di chi si sente un po’ più grande, sente il suo cuore che fa boom-boom finalmente…e ci crede fermamente :
« sei sicuro ? », si, se solo la conoscessi…capiresti, e mi daresti ragione, cambieresti opinione, meglio conoscersi bene che lasciarsi dopo un mese, sei daccordo ?
Ci mancherebbe altro,del resto, ti ho detto, lei non è come le altre.

Hello, ça va ? Si parla del più e del meno, entra nei panni di un playa che vuole fare il serio, tanta di quell’esperienza….
mo vale zero, la differenza la fa un sentimento nuovo,ma talmente vero,un uomo è in cielo…
passando per quegli occhi immensi, più rilassato e più leggero mi trovo in linea al mio pensiero e mi godo quei momenti…
così splendidi e magnifici,diventiam complici prima dei primi baci ; sani o inebriati, sazi o affamati, ripenso a quegli attimi e il minimo è ringraziarti…
Una dedica speciale, parlo a te perchè sei te che mi sai sempre motivare, sorgente delle mie ispirazioni,delle mie più profonde emozioni….

Un uomo cresce, e impara….scopre,che s’ innamora…
la cerca, e non la trova…ma dove sarà, è destinato a star solo ?
No, uff, un altro incubo ; è a fianco…un monumento.
All’ alba dei 30 sento qualcosa che cambia,senza programmi,
con calma, godiamocela.

LE 30Eme ARRONDISSEMENT feat. Sat L’ Artificier & Dynamike

Cammino su una lunga Boulevard, avanzo man son gia al 30ème Arrondissement, dietro a me ho lasciato amici, troppe ore di lavoro, errori, amori scelte che m’ han reso solo, ho preso tutto con me e niente allo stesso tempo, cambiare ? Più che una voglia è un sentimento, ci penso, panico fumo e m’ imparanoio mano se sei qui assumilo è perchè sei un uomo. Agisci come tale, si, riempi d’ orgoglio i tuoi, sii forte e leale, fallo per lei se gia pensi a quello che sarà quando senti i tuoi fratelli che si fan chiamar papà. Quel gangsta non c’è più, quel ribelle sta morendo, è triste vedo un playa che agonizza al pavimento, e pensa ricordo quando i miei ne avevan 30, ho storie da tramandare non posso più perder tempo,

Rit. :
J’ ai perdu des sous, pourtant il y en a partout, j’ ai perdu du temps, et ça il y en a pas d’ temps, j’ me retrouve d’ un coup, devenu grand, dans le 30ème Arrondissement 2X

Les choses ne viennent pas tu les prends, dans le 30ème Arrondissement, pour tes causes tu te battras tout l’ temps, dans le 30ème Arrondissement

Depuis que j’ ai fété mes 30ans atteint mes 30 piges j’éssaye de me tenir à l’ écart des embrouilles de rester tranquille, jadis pas plus haut que 3 pommes aujourd’ hui une grande tige, j’ ai pas vu l’ temps passer putain je ne me serais pas vu grandir, assis sur un banc j’ ai perdu trop des tunes trop de temps, trop des gens j’ en ai vu payer de leur vie de leur sang, trouver réfuge dans le crime, tomber le nez dans la poudre ici la mort frappe sans prevenir comme la foudre noyée dans le doutes. Je remercie le ciel d’ avoir atteint la bonne bèrge la bonne rive, j’ai 30 bèrges je cogite sur la bonne rime, mon lyric sort du cœur écoute-le c’est pas qu ‘une sort d’ humeur, le chemin fut long,le chemin fut plus que tortueux. C’est plus qu’ un age c’est un cap c’est un stade dans la vie d’ un homme, moi j ene changerais pas ma life avec le vie d’ un autre, 30ème Arrondissement, L’ Artificier Sisma,dédié a ceux qu’finissent bien, dédié à ceux qu’finissent mal.

Rit.

Tasto il terreno, avanzo più diretto prima me la sciallavo fat, ora invece tiro dritto io,che come molti ne ho percorsi di kilometri con la valigia in ano a portare in giro le mie abitudini. Ma qui non è che me la sento sempre, non è che ne temo il giudizio ma conviver con ‘sta gente, nuova e diversa in qualche modo mi forza ad adattarmi al luogo agli usi e ai costumi in voga.

Mais pourqoi ? / perchè / mais où ça / ma dove man / ou lui ou moi / ah / les trucs que t’ as vu / che hai visto / que tu vois / che vedi / qui fonts que tu ne sera jamais le même, tous ça / tutto questo / les chose qui t’ ont fais crier / quando hai gridato / tout ce que t’ as trimé / sai quanto l’ hai sudato / c’est maintenant / ora / que tu l’ comprend / capisci / ou jamais / o mai più…/

Rit.

SMILE

Rit. :

SMILE nella campagne elettorali, SMILE nei comizi sui plateu TV e i giornali,
SMILE ti illudo, SMILE ti frego, che male c’è s elo faccio col sorriso ?
SMILE inciso, SMILE dal vivo, SMILE dai dai, arraffa le carote
SMILE come stai, SMILE te ne vai ? by by io ti lascio a tasche vuote

C’era una volta nella Repubblica delle Banane, un piccolo uomo dalle caratteristiche rare, grande comunicatore verbale e visivo, dall’ inconfondibile e smagliante sorriso, da un grande pregio tanto condiviso : promette e non mantiene a chi non sembra infastidito, lo ammiran sui cartelloni e in TV sui suoi canali e in più sulle emittenti statali.
Possiede banche, media, assicurazioni e controlla 90% delle trasmissioni, ma non parlar di dittatura o monopolio, lui ha le mani legate, sono gli altri che imbrogliano…
Paladino cavaliere senza macchia, muta critiche in battute e lo assolve la giustizia : ha leggi su misura è un vincente ma, come la Juve di Moggi, che gusto ci sarà ? Mah…

Rit.

Parla a nome del popolo che non credo ne sia al corrente e mai man, sollevar questioni che lo fan riflettere, se insorge non so se basterà sorridere, niente spiegazioni, e che soluzioni ? Racconta un mucchio di palle almeno c’ ha i coglioni, e se ogni storia ha un cattivo…trovato ! Quell’ apparentemente innocuo scriba che l’ ha criticato, oltraggio a sua maestà e che libertà di espressione : uso criminoso dei mezzi di informazione, e senza tanti paroloni o fai quel che ti dico, o ti censuro con lo SMILE, poi via tette e culi in salotto e tutti i tuoi dubbi sfumano in un seondo e STOP alle domande, conosci i target, eh ? Dice a me ? Perchè mai dovrei sorridere ?
Ok sorrido nonstante tutto, racconto favole ai bambini a chi interessano da adulto, tutti indaffarati mai un po’ di relax e la stanchezza accumulata toglie lucidità.
Rido perchè son semplice, in pace con me stesso, ma se penso che sono solo una pedina non è che mi diverto

Rit.

MAGNA MAGNA feat. Greis e Spitch

Strofa Greis non disponobile

Rit.
Taglia taglia, è tutto un Magna Magna, c’è chi sbaglia sbaglia e altri pagan pagan, passa alla cassa chi t’ aspetta grida BASTA BASTA giu le mani dall’ Officina

Vivo una vita mega felice ma monotona, ci si rassegna e non si pensa di ricever quella lettera, onoro il mio contratto da 30 anni ma gli sbagli ai piani alti ce li hanno tradotti in tagli al personale, logica conseguenza l’ ho saputo rientrando da chi m’ apre la corrispondenza, la madre dei miei figli, la compagna da 20 anni di un futuro 50enne senza lavoro.
« Come faremo ?? » i bambini ancora studiano e la casa ? Il mutuo ? Dicono che ci trasferiscono ? Sacrifici progetti a lungo termine in fumo io qui avevo tutto e da oggi non ho più futuro ? Immaginaci in marcia in 10mila sopra i ciototoli ci vedi e lungo i portici senti l’ eco dei cori della piazza, non solo dei colleghi è il popolo, lo sentono lo temono no non faranno quel che vogliono

Rit.

On était 10milles dans la rue selon les forces de l’ ordre drapeaux slogan on en abuse en nom des « droits de l’ homme » la seule défense des ouvriers c’est ce désordre dehors si on doit vivre sans oublier qu’ on se fout de nous, c’est mort. Bonjour messieurs c’est bien dommage mais c’ est la crise qui disent, direction bureau du chomage pour vous y inscrire ici, faut qu’ on ratise ilfaut qu’ on baisse les coups, l’ avenir dépend du bénéfice ils coupent des têtes méfiez vous restent les cou. Mes gars font cortège, rien à faire c’ est revendications,les assos’ protèstent rien à faire donc intimidations, tous qu’ on défend c’est des pères de famille en danger, tous qu’ on ressent c’est : s’ angoissent d’ un avenir sans manger alor on cours en leurs secours on interviens toujours actif sur le terrain regarde la grippe tempérament ne lache pas prise, appelle moi syndicaliste guetteur des bien dans l’ entreprise avec moi capitalistes ne pensez pas qu’ au bénéfice

OUTRO feat. Smok aka Rocky 80 & Sim’s

Ho cosrtuito una catena perdo i capelli mi fa mal la schiena vedi però : ne è valsa la pena !
Bistrot e ristoranti ed ogni sera per cena la sala piena « come hai fatto » ho fatto e basta senza nessun schema, un impero 3 bambini 2 divorzi il tempo non c’ era non puoi aver tutto e c’è chi ancora ci spera, stress preso alla leggera sopravvissuto in una qualche maniera rimasto senza niente, si la carriera
Vedo, il ristorante spacca, man ce l’ hai fatta e va sta barba sta panza sta boccia tutta calva..io ? Si anch’ io mi sono messo in proprio ma ora gestisce mio figlio non ho voluto ingrandirmi troppo, sto lasciando un po’ la presa preparo la mia pensione chi si sbatte tutta la vita ci manca che non se la gode : casa e chalet a credito ma sono cifre e non ha prezzo la qualità con la quale ho scelto di vivere

Rit. :
Large est l’ horizon mais derrière moi tant perdues d’ illusion quand le glaçon seule la raison oblie que nous nous épuisons, fuir et perdre poudre aux yeux le monde ne regarde que sa geule vivre ses rêves c’ est dans le cœur j’ ai peur à chaque seconde d’ être seul, fonce ne desserre pas les poings toute une vie à tisser des liens, chercher des réponses chez les siens oublie l’ éspoir quand rien ne vien, tous ces mirroirs ne reflètent rien toute une histoire finie demain prend moi la main mon frère, ce soir nous boirons à la fin

Per mantener la mia famiglia e quelle dei miei dipendenti fui un leone a capo di un impresa indipendente, lottai contro i politici e la mafia di ‘sti posti ne uscii con le ossa rotte, ed il morale a pezzi non l’ avrei mai detto ma fu lei a ridarmi orgoglio l’ amavo ma non condividevo l’ ipotesi matrimonio, poi mi ha coinvolto, era il secondo anno a Züri così 30 anni fa a passeggio le chiesi la mano a Brooklyn
Atterrato a Züri Nord rivalutando le mie chances l’ istruzione è tutto, punto è dura ma mi butto scusate se non son riuscito ad esser dappertutto soci tanti, amici pochi e a loro ci penso soprattutto mi dan la forza quando son distrutto ho dato avuto e ho dovuto pure chiedere aiuto ho vinto son stato battuto rialzandomi quando son caduto, la famiglia in primis in assoluto

J’ai pas toujours réalisé qu’ me schoix m’ aménèrent aujourd’ hui que chaque seconde qu’ tu laisse filer ne reviens pas s’évanouie, ne pas se retourner Sisma j’ ai peur les autres dormes tous l’ monde s’ en branle de ce qu’ nous sommes on sera jamais plus que des hommes

Back in the days jam locali, mpc sempre on freestyle su fresche strumentali, conzerts chi grida chi batte le mani deliri abituali con droghe che per altri, son state letali, a volte pacifici a volte pseudocriminali è il percorso della vita a volte scendi poi sali, comunque è andata, ed è stato un gran successo confesso adesso son depresso ma si va avanti lo stesso
Per me quella della musica ormai è un’ epoca remota m’ ha dato tanto io tutto e la passione si è esaurita, ma non posso darle la colpa lei non en puo’ nulla è chi la frequenta dice di viverla che mi disgusta alla lunga mi parlavan di diritti, contratti : EHI ! Avevano pure ragione se fossimo stati negli States, ma che soddisfazione Ticino dimmi chi è il play, 10 anni dopo non li ho visti ancora album come i miei…

Rit.

INTRO
Sisma/ DJ Vandal// Ketak

Ehyo Sis,dalla Linea e Sickswan,per B’zone Loca Loc e tutto il lato sud man,B-boy e sennò come? Perseveriamo e restiamo..

Noi con ’ste rime contro tutti e tutto,da la dove l Hip-Hop non va aldilà del lato ludico/ è inversione di tendenza,condita da una promessa,ridar credibilità a una lingua che l’ha persa/ in italiano? E sennò come,oltre le parole,non c’é traduzione quando a scrivere è il tuo cuore/Smokey Sis…puro come i phillies con gli Stailoz e forse sarò banale ma almeno so di che parlo/ e per chi,non c’era,la nuova scena,questo è il codice da B’zone ma è per ‘na regione intera/ è il suo marchio,e ricorda in T-I tutto è in scala ridotta tranne i flow degli mc’s/ o i cut o i pannelli connessi a un vicinato che dell’ mc che era in me ne han fatto un imparanoiato/ a disagio col progetto di partire,il sogno che quando mancava sonno faceva dormire/ scrivevo flow con l’ odio ed ero l’ unico a sentirli e una crew che non c’é più non può capirti/ e io lo spirito dei clip di quando reppavan così, e non vorrei dover rimpianger di essermi fermato qui/ perciò scrivo,incido,ho un motivo,e un obbiettivo e penso a come mi sentivo quando ho detto ai miei che rimo/ ero un diverso con il sogno americano ora un ragazzo che se spiega quel che fa dice lo amo/

Rit. Scratch dj Vandal

In italiano? E sennò come? Incazzato, e sennò come? B-boy, e sennò come? È il vissuto di uno come/ te e come te crede nel rap e nei suoi mec, è un big up per le connect e la mia Linea 23/ incazzati e sennò come? Viste di ogni in quel cantone,dove, il diritto alla privacy ce l’ ha solo il peggiore/ passo oltre e porto il lato sud nel cuore a te invece storie nuove, originali e sennò come?/

è classico il mio lessico semplice ed onesto non da cash ne fama ma il mio standard resta questo/ su un’ opera prima, in solo e sennò come? La vita crea distanze e la distanza a me ambizione/ c’ ho provato, senza merda per le radio e il posto da dove vengo verrà ben rappresentato/ è come sono che sarò ricordato, dopo attento ascolto il messaggio sarà passato/ è per il luogo, la bandiera e il logo, per lo sfogo ma prima per amore del gioco/ diffondo in fondo per rappresentare col mio mio rap naturale, ibrido ma universale//

Rit. Scratch dj Vandal

IL CODICE DA B’ZONE
Sisma// Ketak
Un figlio del sixth Sis Amos all’ anagrafe marchio a fuoco B’zone e il suo codice/ ho 1 lexiko tanto antico quanto ampio protetto da segreto sto divulgando/ flow paragrafati indizi celati
in simmetrie da malati dietro scudi ammaccati/ 1altra tacca al mic per non esser scordati importati coltivati è roba nostra illuminati/ cavalieri e scudieri fieri, fuori a proteggere le mura coperti dagli arcieri/ infuria la battaglia contro invasori stranieri e i miei cattivi pensieri sono testi severi/ di rap cosciente e hardcore da belli code bottato dall’ indoor il nemico fa dietrofront/ amarcord horror più che epico con le tag dei vincitori scolpite in centro storico/
Rit.
6 i sensi dei 500 al seguito esercito pacifico e prolifico dal feudo/ rosso come il fuoco che arde di passione per amore della terra è unita la popolazione/ 6 tu con 5 dita che stringono la lancia vai sbianca e sbanca piazza la stoccata/ in nome di 1 re,il buon vecchio hiphop le cui 4 arti fanno il codice da B’zone/

Fede e fierezza libertà indipendenza non sia mai il mio vessillo sotto una potenza estera/ zittisci chi contesta ai contest con testa ed è festa nel contado anche se la contesa è persa/ il popolo banchetta apprezza sa che chi li rappresenta è all’ altezza e restan/ pagine di storia dentro ai canti dei poeti ex tali ora giullari sanno che hai quel che ti meriti/ e ogni bro che fa il gros e mette in dubbio il mio flow, sappia che c’ ero ci sono e ci sarò/ da 1ticino sotto shock dopo la prima belle époque mi batto per l’ Hip-Hop sul terreno non sui blog/ tramanderò quel che ho imparato il mio è 1tributo e son tra quelli che han temuto quando tutto era fottuto/ ho visto l’ alba e poi l’ éclipse ricordato chi era Sis e il mio vissuto kidz è il destino di 1 mc
Rit.

C’è 1 artista contemporaneo montana nella mano rende la notte hard è un bandito senza piano/
king della yard e la sua click da whole car imbratta ma non si contatta e lo sappiamo in città/
che non è per i decori nei palazzi dei signori o il lusso delle commissioni con le firme degli autori/ sulla tratta i loro nomi anagrammi attirano gli sguardi e in pochi sanno decriptarli/ al vaglio dei gendarmi opere da belle arti accertate in tutta Europa tracce degli stemmi araldici/ le prove di 1passaggio stralci di un’ itinerario ambasciatori senza il bisogno di onorario/
la plebaglia comunica attraverso le sue opere dagli affreschi al canzoniere alle sue liriche/
traccia il raggio d’ azione riunione in corridoio siate pronti all’ invasione si apre il ponte levatoio/
Rit.

LEGGENDE CITTADINE
Sisma// Ketak
La sua storia è una storia come tante, zero diploma zero voglia di farne/ nato e cresciuto sulla linea ed ogni tanto parte, ma fa dentro e fuori perciò non va distante/ e per la strada tutti sanno chi è, e se ci torna dopo un giorno tutti sanno perchè/ ma quale caje è thug come un usignolo canta per gli sbirri è una voce fuori dal coro/ il suo amico minorenne da poco giu in ticino ha scordato la fortuna non che è latino/ un’ altro che fa il gangsta in giro un’ altro poverino un’ altro pendolare da Locarno allo stampino/ il peggio è se penso per alcuni son da esempio sai chi è un vero duro non verrai mai a saperlo/ loro…leggende cittadine gente che se esce da qui, così, non sopravvive/
Rit. X 1
Leggende cittadine agli onori delle cronache oltre le apparenze per tradurvi quelle favole/ di chi sembra e non è, e, chi convive coi se, e, chi non crede in sé sappia qui miti non ce n’é/

La sua storia è una storia come troppe è uno di quegli annoiati figli di famiglie ricche/ quando hai tutto vuoi di più i suoi l’ hanno imparato quando han visto la sua vita sfiggirgli dentro a un ago/ era un bravo ragazzo è colpa della compagnia lui poteva fare il medico e oggi trasmette apatia/ passa la giornate a un parco che sembra una birreria purtroppo è molto peggio li gira porcheria/ procurata da quel soci che ha conosciuto li stessa panchina stessa dose un giovane dice di si/ e tu che ci fai qui? Ho scazzi con la mia compagna quella bitch mi da del tox ma io sono una leggenda/ cittadina, fiero di questo statuto a noi non serve aiuto fratello benvenuto/ consoliamoci a vicenda poi giu tutto nei cestini sai com’é qui la domenica ci giocano i bambini/
Rit. X 2

La mia storia è una storia come poche di un fottuto sognatore musicista senza note/ che a quelli come me dice di non mollare perchè nel bene o nel male ci dovranno ricordare/ la leggenda vuole che ci sia un portabandiera ma ne un uomo ne una crew può farlo per una cultura/ io lo faccio per i miei ricordami per questo per quello che c’ ho messo il vero in ogni testo/ assieme a lui compagno di mille palchi in discussione da 10 anni senza mai giudicar gli altri/ ma non confonder playa io sono coerente non come chi scrive e non mantiene quindi mente/ ai suoi e alla sua gente al suo pubblico da sempre e il suo talento a ’sto prezzo non ci serve/ ha il rispetto della street un posto nelle leggende ma qui un mc senza uomo dentro non vale niente/
Rit. X 3

FIGLI IBRIDI
Sisma/ Dano// Ketak
Sono flussi migratori ricchi di storie e speranze, non importa dove ma da li bisogna andarsene, in fuga da una situa che di certo non voleva, mo si regge sull’ orgoglio chi ha perso tutto quel che aveva/ penso a mio nonno l’ hanno accolto e lui ha sempre rispettato alla Suissa deve tutto e alla Suissa tutto ha dato/ non ha scordato ha aspettato e tramandato a mio padre e lui a me com’ è stato trattato/ nato al lato nord per motivi di lavoro poi fuggiti al lato sud perchè un figlio abbia un futuro/ e a me e al mio brotha c’ han cresciuti negli standard col timore e siam di qui più che integrati se non fosse per il nome/ mano tieni a mente mentre diventiamo grandi non scordar da dove vieni e non sputare dove mangi/ sangue italiano come la mkia lingua madre e ovunque nascerà mio figlio io gliela dovrò insegnare/ tenendo in vita un passato che ho potuto ereditare un patrimonio immenso da non dimenticare/ storie di una lotta che m’ han voluto tramandare di chi voleve la pace e se l’ è dovuta comprare/
Rit.
7 milioni 4 lingue 1000 storie e un senso solo se questa terra prospera è pure grazie a loro/ ‘na fonte inesauribile sempre più accessibile ma ciò sposta il limite e da qui le fasi critiche/ incrocio di etnie razze e religioni diverse culture diverse zone di idiomi/ scazzi coi padroni naturalizzazioni la fama di ’sti luoghi non da voce a questi orrori/

Figli ibridi italiani spagnoli e lusitani, figli ibridi africani asiatici e ottomani, figli ibridi un po’ strani come quelli dai balcani, figli ibridi aramaici e sudamericani

(que pasa hermano que està haciendo por esto llao? Tranquilo me voy allo studio ahora mismo a gravar un tema con Sisma. Ma va, e di cosa parla? Parla di quelli come me e te e tanti altri sai i figli ibridi. Bella li, e com’ è che fa man? Eh, escucia aquà mano…)

Siamo un incrocio di culture mescolate come salsa e se mi guardo attorno ormai siamo la maggioranza africa europa america asia ed oceania dal deserto del marocco alle foreste giu in birmania/ possiamo sembrare il risultato di incroci strani in terra straniera abbiamo affetti e legami/ mentre andiamo a fondo oltre il cliché elementare non solo banche qui orologi ed Emmenthaler/ tu ricordati chi sei e pure dove stai se non sai da dove vieni non sai dove andrai/ lo so che qualcuno qui si sente preso in causa ma certe storie a me mi fanno venir la nausea/ ci son troppi venduti stranieri quando conviene non di certo all’ aeroporto quando arrivan le sirene/ io non sono pro-stranieri o pro-confederati autoctoni sono pro-coerenti perchè vedo troppi ipocriti/ riguardo a me stesso beh io c’ ho il cuore in pace son qui con un permesso e schizzo via se non mi piace/ ehyo Sis, che c’ è man, una nota mi tocca farla esser di un posto è una cosa di origine ben altra/
Rit.

Grande chioccia Svizzera sono un tuo figlio ibrido e giuro averne avuti mai problemi di ’sto tipo/ la mia è post-immigrazione terza generazione tra la mura la cultura del buon cibo e del pallone/ sangue caldo e in più c’é una formazione mo’ giudicate l’ uomo non l’ accento ed il suo nome/ forestiero dal Ticino il tuo lato latino laddove il padrone sai lo chiamano zucchino/ tipi caldi e stravaganti provenienti da più parti dall’ ex inferno rosso alle spiagge dei caraibi/ qui stranieri ce n’é tanti e integrati altrettanti in sintonia con gli abitanti nuovi cibi e nuove arti/ ma nell’ aria c’é qualcosa che da vita agli slogan delle ferite dell’ uomo è la più sanguinosa/ è razzismo è ignoranza e l’ ignorante lo tramanda e chi è offeso nel profondo poi può perdere la calma/
Rit.

SCELTA DI VITA
Sisma// Ketak
Vivo con l’ abitudine della solitudine pizzo mando un beat poi ne riassumo pagine/ solo con me stesso spesso pago il prezzo di una scelta che se dovessi rifarei adesso/ m’ ha fatto piangere prima ancora sorridere fiero ma in dubbio al momento di decidere/ superando depressioni evitando tentazioni e anziché nascondermi tra il fumo ho smesso di rollar cannoni/ lontano dalla fam dalla mia lei e dai miei homies resisto e in più ci credo ho ben più che motivazioni/ mi scavo dentro e faccio leva sui ricordi in fuga c’é un motivo e questo rende più forti/ se torni 3 giorni al mese dove hai vissuto 20 anni dormi nella stanza che coltivato i tuoi sogni/ Jordan su un muro a fianco Van Basten mixtapes sul ripiano e nell’ armadio l’ Hally Hansen/ la mia storia è giu ma io giu non posso stare ogni rientro solo non sai quanto fa pensare/ è stress mentale ho anche pensato di smollare però da dove sto male non posso ricominciare/
Rit.
È la mia scelta di vita c’est personel sans pression è l’ isinto man/ j’ ai choisi comme ça j’ ai pensé pour moi j’ ai, mais parfois j’ amerait dire on a/ si j’ suis seul y a des raisons face au monde et parfois a coté y a personne/ le vécu d’ un homme qui est parti de B’zone car c’ est son vécu qui fait d’ un homme un homme/

M hai aperto il cuore hai dato tanto a me che non ho mai amato e ora che amo sono affranto/ cresciuto in fretta è un dato di fatto a 21 anni ero gia indipendente e soddisfatto/ mancavi tu piccola donna dal sud fiore di una terra arida che non scorderò mai più/ tu che m’ attrai quanto mi piaci tu mi fai rabbrividire e mi seduci/ per come fai come ti comporti non vergognarsi della propria tipa non è da molti/ e non temo tu faccia la bitch se non lo sei spero tu parta da li che un giorno mi raggiungerai/ per costruire assieme come discutevamo partire per star bene solo se condividiamo/ ma capisci il mio animo e quanto soffro amarci ancora da lontano l’ ho saputo e sono morto/ difendo i miei ideali e non ho sempre torto mi perdo in quegli occhioni che ho gia fatto pianger troppo/ bellissima giovane il mondo ti corteggia semplicissima e per questo la mia più bella esperienza/
Rit.

Ho salutato con l’ odio sai che penso? Per star bene ho un modo lasciarmi dietro questo/ nulla vuoto cimitero juvenile non serve a un cazzo lamentarsi se poi resti sempre li/ no, non condivido ma capisco è personale io ho corso il rischio e visto val la pena di provare/ son diventato un uomo scusa se è poco giu non ero che uno stono e giu il rap non è che un gioco/ il mio no da messaggi ai piu giovani imparate a stare al mondo in TI tornateci da uomini/ col dubbio di chi trovi e la certezza di chi lasci se non ami i nuovi sfondi torna sui tuoi passi/ è dura lo sa chi c’é passato ma matura ed è un dettaglio che non va trascurato m’ ha dato appoggio per affrontar la sfida di una scelta di vita che porta ad aver ‘na doppia vita/ c’ est pas facile mais j’ y crois c’ est mon choix, quoi? Qui devient ma croix/ j’ suis pas loin et pourtant tout a l’ air si different y un coin où j’ ai grandi un autre qui m’ a vu grandir/
Rit.

L’ ALBUM DEI RICORDI
Sisma// Dr. Smok
Sfoglio l’ album dei ricordi storie per giustificarmi,tante parole urla,alla fine non sono nient’ altro…
che un piccolo poeta che scava nel profondo rime e homies sullo sfondo incazzato con il mondo/
non credo avrei potuto aver genitori migliori ma io son troppo strano e questo causa incomprensioni/ liti fughe la vergogna del paesello adesso puoi girare a testa alta anche per quello/ non l’ avrebbero mai detto e vi han mancato di rispetto rido con Ivan mentre penso a quel che c’ han predetto/ se ascoltavo quella gente non valevate niente e io ero destinato ad un futuro da perdente/ tiro le somme adesso li umilio quegli ipocriti soldi pochi ma almeno non son debiti/ mi assumo il mio vissuto e i miei non hanno colpa e l’ ho avuta un educazione se ciò ti preoccupa/ da lui che a 18 anni è andato in autostop ad amsterdam mo è qui per raccontarla e da lezioni quando parla/ con lei che è la donna brava che ogni uomo sogna la più affettuosa mamma e chissà che dolce nonna/ sfoglio l’ album dei ricordi storie per giustificarmi di cui non mi posso accontentare di susarmi/
Un primogenito felice che vuol bene al fratellino,e forse era un presagio il fatto che non dormivo, ma che bella quell’ infanzia vedo le foto e mi commuovo, niente lasciava presagire che oggi fossi quel che sono..
Era la mia voglia di uscire ci conoscere e scoprire fretta di diventar grande rende tutto così stile/ consigli? Non mi servono ho così tanti amici adolescente tu sai tutto ma è col tempo che capisci/ non puoi insegnar la vita a chi la vita te l’ ha data e solo quando sei pronto puoi prender la tua strada/ io ho gridato promesso l’ ho fatto ed adesso riesco quasi a dare un senso a tutte quelle smok session/ disadattato è questo porta a stare fuori casa squat nei locali finché c’é la luce accesa/ fino a dormire in auto da Piffa o in altri posti e a cena l’ argomento son sempre i miei occhi rossi/ benché mi fossi calmato lo reppavo il mio disagio non vi han più telefonato e non vi hanno più raccontato/ friends? Sempre quelli e non ha certo aiutato mi son spesso lamentato ma non sempre era sbagliato/
Rit.
Sfoglio l’ album dei ricordi storie per giustificarmi di cui non mi posso accontentare di scusarmi/ passano gli anni non basta vergognarmi cosciente e convinto fino al punto di spiegarmi/ mentre passano tempo mode le generazioni passano le teste calde ma restano i loro nomi/ e non accettarlo ma capire è dura e oggi se ho qualcosa da provare è solo a loro/

Più passa il tempo più mi sento all’ altezza di parlarvi per non dimenticarmi ed imparare da quegli anni/ i miei primi 24 di cui 10 a bisticciarmi 6 a coccolarmi ma anche 4 a prepararmi/ megafortunato come vorrei aver capito forse non sarei partito almeno non vi avrei ferito/ gli scazzi li ricordo se ci penso mi vergogno di frasi che fan male non ne avevamo bisogno/ piccolo Amos cresce e resta così tu i capelloni i Deep Purple per me i baggy e Mobb Deep/ voi sposati presto io no è diverso e griderò finché avrò voce ed un lavoro onesto/ matto più che gangsta col lifestyle da b-boy cresco con principi e valori grazie a voi/ io e il mio rap a fare il resto ma son vostri quei diplomi diverso non potrei darvi soddisfazioni/
Rit.

HO PROVATO
Sisma// Eagle
Partito con Peppe e Carmine volevo andarmene a Belli ho detto ciao forse torno da grande/ le ho gridato l’ odio in faccia senza pensarci troppo impulsivo è un motivo che ha causato il mio divorzio/ ho dormito in un salotto ma a fumare..no, no fuori con un fratello diverso all’ occhio non nel cuore/ ho bevuto i miei stipendi e la mia era allegria poi sta a te se non t’ arrendi quando senti nostalgia/ aaah shit dietro ai party c’è un divieto a causa di racaille che con la scena centran poco/ stupito e nero ma rinato te lo giuro giu ho fatto dischi e palchi ma qui riparto da zero/ j’ ai cherché des soirée j’ ai trouvé des interdiction désillusion éffacé par les connéxions/ è Sis con i suoi tricks nel suo trip di fedeltà un mc dal ti-shit qui avait trop besoin de ça e qua/ ho sentito hip-hop dentro ogni frase di Se e una per la vita t’ es tombé sur les anciens man/ te lo consiglio io sto inseguendo un sogno e mal che vada è un esperienza che arricchisce il tuo bagaglio/
Rit.
Ho un ideale un fuego fuori dal normale voglia di rappresentare ovunque lo si possa fare/ (scratch dj Eagle)/ ho sclerato ho imparato ho rimato e migliorato poi paccato da chi m’ ha portato un anno in radio/ ho un obbiettivo che in fondo ho rispolverato è un incentivo per cui vivo e per il quale sono nato

Ho voluto far lo chef lien direct avec les architect ma lo stress ti giuro non vale ’sti cash/ et laisse che un artista si esprima e se dov’ è non può emigra rima e grida/ ho squattato disc à brac pomeriggi sopra i beat e nella metro plein d’ inspi quante phases nate li/ ho vissuto alti e bassi sfiorato passi falsi accettato anche i più marci in radio ad atteggiarsi/ et ça c’ est une dédicace pour ceux qui m’ ont checké l’ épaule fréros au drapeau indipendente come Eagle/ per Ketak e Sickswan per la fiducia a un tipo trank che frequenta gli studio e Odd mi dice bella man/ e blunt su blunt su blunt m’ han paccato per 2 cime così a uso persò ho messo ‘na giungla in balcone/ ffff..esco di rado manda il beat sono ispirato cento volte il film di chill m’ ha come ripagato/ di ogni ingaggio mancato umiliato giu alle jam ho dichiarato amore a skai dopo il party al grand hotel/ my man tutto torna e un gruppo fiero non lo scorda chi ha tirato la corda o la sua voglia e la sua storia/
Rit.
Rit. Finale
Ho un ideale un fuego fuori dal normale voglia di rappresentare ovunque lo si possa fare/ ho sclerato ho imparato ho rimato e migliorato poi paccato da chi m’ ha portato un anno in radio/ ho un obbiettivo che in fondo ho rispolverato è un incentivo per cui vivo e per il quale sono nato/ ho viaggiato ho tifato scoperto e apprezzato ma non t’ ho detto ho 24 anni ho provato/

NON HA VALORE…feat Dr. Smok
Sisma/ Dr. Smok// Dr. Smok

(Sisma)
Parlo di chi era perso in sogni di grandezza con la paura di non essere all’ altezza/ ma quale glamour vuole una vita modesta la sua fam la sua casetta il suo amore che lo aspetta/ no non la cerca una vita da star o bizness qui amènent au shtar o le sue notti al piano bar/ no perché complicarsi una vita gia difficile quel che arriva arriva e questo fisserà il suo limite/ chiede solo che i suoi godan di salute sogna che l’ Hip-Hop un giorno torni alla radice/ ci sarà chi sfonda lo sa e sarà uno ma è per lui quello che fa e questo è l’ obbiettivo primo/ illuso dai palchi a 16 anni ci sta o attorno ai 20 da stipendi che non fan la felicità/ so che non va a guadagnarsi un lauto stipendio per poi indebitartsi per l’ auto/ un’ uomo di principi che ha fumato l’ adolescenza ora ha un lavoro una casa e tu pensa/ ha paura che ciò non può bastare e per fortuna non ha mai ceduto al bene materiale/ crede in quello che non puoi comprare vede il bello di costruire e amare/ vuol scoprire viaggiare imparare per raccontare quello che non dicono al telegiornale/ tiene gli occhi spalancati zero specchi per alloddole vive ritmi sballati e non parlargli di pallottole/ parla di illuminati e il quotidiano senza frottole oggi apprezza quel che ha e lo vuole diffondere/

(Dr. Smok)
Srutta la vita fino all’ ultimo respiro Sis e Smok troppo tempo perso in giro/ non c’é arma che ti fa invincibile denaro donne e diamanti per esser forte e irresistibile/ un’ amore citabile puro e potabile pace e rispetto è indomabile e così instabile/ e son le cazzate che rendon vulnerabile labile inabile di bloccare un ciclo inevitabile/ ricordato come un duro oppure un fragile con la coscienza non lavabile e un orgoglio lacerabile/ vorrei una formula certa e calcolabile a questa vita che resta indecifrabile/ probabile da Loca su un codice intoccabile incontestabile e non imitabile da una barca in un bosco a un vascello navigabile/ con coraggio e forza di volonta incessabile è la solita malattia incurabile mi dichiaro colpevole imputabile che ogn cosa è mescolabile/ e quel che è fatto non è modificabile e per quel che ho fatto io stesso son responsabile resta shit memorabile impagabile in uno studio giga era impensabile con l’ irritato più implacabile per la Svizzera commerciabile la Linea e SickSwan per quel che mi dan

NON HO SONNO
Sisma/ Skai// Ketak
(Sisma)
Per chi le notti ha gli occhi sulla radiosveglia i suoi minuti passan lenti la coperta si attorciglia/ lotta col cuscino diventa un mattone pensa e ripensa a tutto tranne che a una soluzione/ sotto esame la coscienza non è pulita se in qualcosa son riuscito è a complicarmi la vita/ ambizioso? Alla lunga è più cinismo scazzi e antipatie nati dal mio nervosismo/ (e più ci pensi?) E meno dormo analizzo un’ altro giorno buio e solitudine son ciò di cui ho bisogno/ arrivo dove la luce non consente slalom tra i lamenti mentre scavo nella mente/ (Skai) sotto lente non si mente facilmente ai tuoi segreti lato di te stesso che non vedi e credi/ se ne stia sepolto quando la luce t’ illumina viene sbattuto in faccia dall’ oscurità che giudica/ (Sis) e intanto il tempo passa e un’ altro vive senza timer non sa della sua life dei consigli che può farne/ era in scalata mò è in picchiata se si vive in salita ma il mio interno che si rode non sai quanto lo invidia/
Rit.
Senza pace interiore brevi sbalzi d’ umore alti e bassi di pressione appari un’ altro alle persone/ il tuo corpo è libero ma la mente scoppia divorata dai sensi di colpa è troppa/ la luce dei problemi e dentro a quei locali scuri giovani turbati oggi solo più maturi/ vida loca illude lascia sensazioni sudice restiamo dell’ idea che sarà il tempo a far da giudice/

(Skai)
Solo con te stesso il buio che ti avvolge la notte sveglia angoscie che di giorno stan nascoste/ le tue cose belle miscelate in confusione sei calato nelle tenebre con la tua introspezione/ (non c’é sonno se nel sonno) cerchi pace che non trovi per ogni passo avanti almeno mille dubbi nuovi/ è finita la giornata sei giunto all’ epilogo domani il mondo chiama non c’è tempo di esser libero/ hai fatto festa come sempre coca-party lo vedi il sole adesso è tempo di svegliarti/ sadismo realismo il buon vecchio vittimismo sfida all’ organismo che diventa masochismo/ (Sis) migliorato imparo da chi ha esagerato reagisco a mio modo e spesso mi son vergognato/ non penso solo a me penso a te e penso che se un’ uscita c’é certo non s’ apre da sé/ (Skai) se sei come sei nessuno ti conosce meglio pesa la stanchezza ma comunque resti sveglio/ scavi in fondo all’ anima e c’é chi si spinge oltre siamo di nuovo a letto e che sia una buonanotte/
Rit.
(Sisma)
Man non ho gestito un’ altra situa complicata mi conosci la reazione non me la son perdonata/ scatto d’ ira grida l’ odio al mondo poi ci penso mi pento e la notte non dormo/ e anche oggi ero nervoso pensieroso oso pensar che se non cambio divento pericoloso/ per me e chi mi sta a fianco (soprattutto per te) per chi m’ ha dato tanto e oggi è stufo di me e te?/ (Skai) io mi sono addormentato adesso vago nell’ inconscio una vita parallela prende vita nel mio sonno/ è il mondo dei sogni invaso dagli incubi segnali nitidi li conosco questi sintomi/ sono un tipo calmo (ma esplodi in un momento) di notte mi tormenta quello che mi tengo dentro/ abbiamo un ego sconosciuto che è nascosto aspetta li nel letto non abbiamo sonno/

PORTAMI CON TE
Sisma// Ketak
Portami con te vedrò che cambia vorrei saper perchè ci va tanta gente in gamba/ con ’ste rime buco il cielo vorrei parlarti per capirti visto che non puoi scusarti/ e chi ama soffre è la regola fratello qui sempre la stessa merda ma forse è bello per quello/ parlo da disadattato da uno che c’ ha gia pensato e ciò che m’ ha aiutato a te non è certo mancato/ anch’ io so cos’ è il disprezzo quanto costa essere onesto per come sono messo se ne esco è gia un successo/ anch’ io ho i miei ideali le mie poesie anch’ io ho il mio odio dentro e le mie smok-terapie/ simili eppure quella scelta quanto pesa è il segno di una resa ed ha il sapore dell’ offesa/ al gusto di rabbia mista a dispiacere pur troppo impotenti purtroppo storie vere/
Rit.
Portami con te vieni a prendermi nel sonno vieni mentre dormo e sappi da quel giorno/ manchi è diverso dagli altri e più cerco di capirti e più m’ illudo di parlarti/ e sia è l’ antipatia che da vita alla pazzia per ‘na situazione non così diversa dalla mia/ o anarchia o lucida follia resto col dubbio fino a che non verrai qui a portarmi via/

Rimo per non dimenticare ho un sentimento da sfogare per sensibilizzare ogni ragazzo che sta male/ ogni assenza lascia vuoto e nessun altro può colmare troppe cause di decessi e nessuna è naturale/ a 20 anni è presto è normale io non son poi così lontano eppur ne ho gia da raccontare/ se vuoi parto dai flash mi spaccan te lo giuro sono un’ altro megefiero ma altrettanto insicuro/ e son cambiato un tot da quella sera con il pop(per) io di certo no ma la mia vita un bel po’/ mi sono trasferito e quante cose che ho capito su di tutte la certezza che per scelta non c’é bivio/ e dove non arriva l’ uomo mando rime e sentimenti il più cosciente dei lamenti chi c’ ha il dubbio ci ripensi/ chi come me non è solo scopre la vita d’ uomo e non potrebbe mai tradire chi gli ha dato questo dono/
Rit.

Son rimaste le catene quei bei ricordi assieme e se dico che eri in gamba la gente non ci crede/ e dall’ ultimo saluto ne ho sentite di ogni ma vai tra è gente senza ideali e tantomeno sogni/ parla senza sapere peggio senza conoscere la mia è delusione e non te la posso nascondere/ penso a chi ti sta a fianco e qui era contento se l’è preso un incidente tu come puoi averlo scelto/ o a chi ha dato una lezione di vita a me per primo chi amo quanto stimo sono fatti non destino/ il futuro non esiste, man lo stiamo costruendo ma un attimo un momento può cambiar lo svolgimento/ guidato da una psiche che ha un bicchiere per amico e in quanto amico son pentito di non averti capito/ indifferenti al tuo fastidio brucia all’ infinito rapito da te stesso ma qui tutti abbiam fallito/
Rit

Comments are closed.